IL NOSTRO NUOVO PARCO ANTENNE

Ritratto di iw3sqc
immagine: 
Body: 

Nella giornata dell'anniversario del Terremoto in Friuli il 6 maggio 2020 siamo riusciti ad installare le nuove antenne in sede a Palmanova: per motivi di spazio abbiamo: un'antenna verticale Hf quadribanda, una Ground Plane per la banda 27 Mhz CB e una verticale bibanda 144 - 430.
Cosi appena le disposizioni riguardo al Covid 19 ci permetteranno di riprendere le nostre attività associative, si potrà usufruire della nostra stazione radio operante nelle bande OM e CB per effettuare QSO, che in questi ultimi tempi sono tornati ON AIR diverse persone che avevano "dimenticato" le vecchie radio ricetrasmittenti...
Ringraziamenti allo staff che ha testato e allestito il parco antenne e all'amministrazione comunale di Palmanova che ci ha sostenuto con il montaggio.
73 de IW3SQC CB VICTOR ECHO Emanuele

Commenti

Ritratto di iw3sqp

Si è vero, le antenne ci sono ed è un ottimo presupposto per fare attività radio in club! Si tratta di un ottimo punto di partenza.

Purtroppo oggi questa emergenza sanitaria ci costringe all'isolamento sociale (condizione a cui non ci si abitua facilmente e a cui non voglio abituarmi!). Questo non significa che non si può fare radio, infatti come sono comparse le antenne in sede (non per magia certo ma per la buona volontà delle persone e di questo ringrazio soprattutto Emanuele per non aver mollato, anche se questa continua ad essere una condizione di compromesso!), sono comparse antenne (Antonello, Alex... e stanno comparendo... vero Papi?) anche nelle abitazioni di quei soci "storici" che hanno vissuto gli anni d'oro della banda CB. E io ovviamente per ragioni anagrafiche non ne posso parlare!

Qualcosa si muove -mi pare di vedere- e anche se si muove lenta ho potuto notare che i radioamatori (indipendentemente che usino la banda CB o altre frequenze loro concesse) continuano ad avere la pazienza e la lungimiranza della tartaruga.

Dobbiamo ricordare che il movimento che ruota attorno al mondo della radio è un movimento di libertà e spesso questa libertà viene sbandierata anche al fianco delle nuove tecnologie ma non sempre questa corrisponde ad una vera libertà. Mi riferisco ad alcuni angoli del web; a come i satelliti collezionino informazioni quando usiamo le applicazioni di geo-localizzazione per farci fare la strada giusta o per portarci a "scegliere" un ristorante anziché un altro; alle reti di telefonia mobile che ci danno l'illusione di essere sempre connessi ma che in caso di emergenza non riescono a garantire il collegamento. Queste tecnologie che oggi sono diventate di massa restano agganciate alle compagnie che vendono servizi, che raccolgono dati per usarli a nostro beneficio (dicono) ma spesso il controllo di come questi dati vengono usati non è nelle nostre mani e buona parte della responsabilità è nostra! Parlo di responsabilità non di colpa perché spetta a noi prendere le decisioni con la stessa lungimiranza e con la stessa saggezza che attribuiamo alla tartaruga.

Si tratta di un invito alla consapevolezza che necessita di cultura e proprio nel Club trova il posto giusto per essere alimentata. Ma il Club non è detto che sia solo un luogo fisico, è anche l'aria o le nuove tecnologie usate con sapienza, è un punto di incontro tra le persone!

Di certo non era voluto che le antenne fossero di nuovo in funzione proprio nella ricorrenza del terremoto del Friuli. Tuttavia questa coincidenza in concomitanza con il distanziamento sociale che stiamo sperimentando, ci ricorda che probabilmente abbiamo ancora molte cose da dirci... a modo nostro!
73 de iw3sqp